//FIBROLISI DIACUTANEA E DOLORE DI SPALLA

FIBROLISI DIACUTANEA E DOLORE DI SPALLA

La fibrolisi diacutanea è una metodica di internvento sempre più richiesta ed effettuata dal fisioterapista. La sua efficacia nel risolvere dolori e rigidità dell’allapparato muscolo scheletrico hanno fatto sì che ormai sia parte integrante del bagaglio terapeutico di un fisioterapista. Per essere a tutti gli effetti inserita tra le metodiche efficaci ed essere usata a scopo terapeutico, deve sottoporsi ad uno scrupoloso studio di analisi. Oggi parleremo pertanto di uno studio effettuato nell’ottobre nel 2013 da un gruppo di colleghi e amici spagnoli dell’università di Saragozza che si intitola: “Effectiveness of Diacutaneous Fibrolysis for the treatment of subacromial impingement syndrome: A randomised controlled trial”, ovvero uno studio che analizza l’efficacia della fibrolisi diacutanea nel trattament della sindrome da conflitto subacromiale di spalla

fibrolisi diacutanea: l’obbiettivo dello studio

L’obiettivo dello studio è stato quello di valutare l’efficacia della fibrolisi diacutanea sulla intensità del dolore, l’ampiezza del movimento e le abilità funzionali, in pazienti affetti da sindrome da conflitto subacromiale. Uno studio randomizzato controllato è stato condotto in due Centri di Assistenza spagnolo del servizio sanitario nazionale Primary Health. I partecipanti (n = 120) sono stati randomizzati a uno dei tre gruppi (intervento, placebo o gruppo di controllo). Tutti e tre i gruppi hanno ricevuto un trattamento standardizzato basato su esercizi terapeutici, elettroterapia analgesica e crioterapia. Inoltre, il gruppo di intervento ha ricevuto sei sessioni di fibrolisi diacutanea; il gruppo placebo ha ricevuto sei sessioni di finta fibrolisi diacutenea, mentre il gruppo di controllo ha ricevuto solo il trattamento standardizzato. L’intensità del dolore, l’ampiezza del movimento attivo e le abilità funzionali sono stati misurati pre-trattamento, post-trattamento, e a tre mesi di follow-up.

fibrolisi diacutanea: i risultati

Alla valutazione post-trattamento, le differenze tra i gruppi di intervento e di controllo erano statisticamente significative o clinicamente rilevanti nelle attività funzionali, in flessione, in estensione e nei movimenti di rotazione esterna. Le differenze tra placebo e gruppo di controllo sono state significative solo nel movimento di estensione. Non sono state riscontrate differenze significative dell’intensità del dolore. Alla valutazione del follow-up di tre mesi, tra i gruppi le differenze non erano statisticamente significative e la rilevanza clinica è stata raggiunta solo per il movimento di rotazione esterna tra i gruppi di intervento e di controllo. Alla valutazione, l’89% dei partecipanti al gruppo di intervento post-trattamento, il 76% dei partecipanti nel gruppo placebo e il 67% dei partecipanti al gruppo di controllo ha riferito un miglioramento soggettivo (p <0,01).

fibrolisi diacutanea e conflitto sub acromiale: le conclusioni

In conclusione, l’aggiunta di fibrolisi diacutanea al trattamento conservativo della sindrome da conflitto subacromiale migliora la funzione e movimenti di rotazione esterna e dà anche una significativamente più alta soddisfazione del paziente.

fonte:http://www.manualtherapyjournal.com/article/S1356-689X(13)00035-0/abstract

By | 2016-03-18T17:54:46+02:00 02/03/2016|News|0 Commenti

Scrivi un commento